Pellegrinaggi a Fatima

Il Santuario di Fátima è un luogo di culto cattolico del Portogallo che si trova nel comune di Ourém. Sorge a Cova da Iria, nella frazione comunale di Fátima, sul luogo delle apparizioni di Maria, madre di Gesù, a tre giovani pastori nel 1917. Esso è venerato dai cattolici come uno dei più importanti luoghi del culto mariano.

“Non Abbiate Paura! Sono l’Angelo della Pace. Pregate con me”

PARTENZE VIAGGI FATIMA

Dal 29 Settembre al 2 Ottobre 2021

Dal 14 al 17 Ottobre 2021

PROGRAMMA PELLEGRINAGGIO

1° Giorno: Calabria – Roma – Lisbona – Fatima

Incontro dei Sig.ri partecipanti presso i luoghi convenuti, sistemazione in autobus GT e trasferimento presso l’aeroporto di Roma. Disbrigo della formalità d’imbarco, partenza con volo diretto per Lisbona. Arrivo all’aeroporto, incontro con la guida e trasferimento a Fatima con sosta ad Obidos, splendida cittadina fortificata di origine medioevale. Proseguimento per Fatima, sistemazione in hotel. Saluto alla Madonna presso la Cappellina delle Apparizioni. Cena. Ore 21:30 partecipazione al Santo Rosario e fiaccolata. Pernottamento.

2° Giorno – Fatima

Sveglia e prima colazione. Partecipazione alle celebrazioni della Santa Messa presso la Cappellina. Via Crucis, visita guidata dei luoghi dove vissero i tre pastorelli: Alljustrel, il villaggio natale, Valinhos (luogo delle Apparizioni dell’Angelo e della Vergine) e la Parrocchia di Fatima, dove furono battezzati. Rientro in hotel per il pranzo. Pomeriggio continuazione della visita guidata al Santuário. Cena. Ore 21:30 Santo Rosario alla Cappellina delle apparizioni e Fiaccolata. Pernottamento.

3° Giorno – Fatima – Coimbra Fatima

Sveglia e prima colazione. Ore 9:00 visita del Museo del Santuario. Tempo libero a disposizione. Pranzo. Trasferimento a Coimbra e visita della città, sede di una delle più antiche e importanti università d’Europa (fondata nel 1290). Possibilità di partecipare alla Santa Messa presso il Convento del Carmelo, dove risiedeva Suor Lucia. Rientro a Fatima. Cena e pernottamento.

4° Giorno – Fatima – Lisbona – Roma – Calabria

Sveglia e prima colazione. Saluto alla Madonna presso la Cappellina delle Apparizioni. Trasferimento a Lisbona, e inizio della visita guidata: Monastero dos Jeronimos, Torre di Belem, simbolo della città, la chiesa di San Antonio e la Cattedrale. Pranzo in corso d’escursione. Trasferimento in aeroporto, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo diretto per Roma. All’arrivo proseguimento in pullman GT per il rientro in Calabria. Fine dei servizi.

N.B. Il programma nonché gli orari dei voli potrebbe subire delle variazioni per ragioni tecniche/organizzative.

Collegamento con autobus GT dalla Calabria a Aeroporto di Roma INCLUSI nella quota


Informativa Covid-19: A partire dal 1° luglio il Green Pass Europeo entrerà in vigore permettendo, quindi, la libera circolazione tra i 27 paesi membri dell’Unione Europea. Ulteriori informazioni su come ottenere il pass visita questa la pagina.

In seguito all’adozione del Green pass europeo i Paesi Ue non potranno più imporre ulteriori restrizioni di viaggio, come la quarantena, l’autoisolamento o i tamponi, «a meno che tali misure non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica» in risposta alla pandemia di Covid.


QUOTE

Quota totale adulti: Euro 705,00 (comprensiva tasse, accessori e quota iscrizioni)

Acconto iscrizione: Euro 200,00

Supplemento per camera singola: Euro 120,00

Saldo 30 giorni prima della partenza

Quote Bambini (tasse e quota d’iscrizione incluse):

0-2 anni N.C. (anni non compiuti)      90,00 Euro

2-12 anni N.C. (anni non compiuti) 590,00 Euro

N.B. IL COSTO DEL PACCHETTO E’ DA CONSIDERARSI AL NETTO DI EVENTUALI AUMENTI DEL CARBURANTE CHE LA COMPAGNIA AEREA SI RISERVA DI COMUNICARE SINO A 21 GIORNI PRECEDENTI LA PARTENZA.


La Quota Comprende
  • Trasferimento in pullman GT Calabria/Roma e viceversa
  • Volo aereo di linea Roma – Lisbona e v/v operato da Tap Portugal
  • Bagaglio da stiva 23 Kg. e a mano 8 Kg
  • Tasse aeroportuali
  • Trasferimenti in pullman
  • Sistemazione in hotel 4 stelle in camera doppia con servizi privati
  • Pensione completa (bevande incluse) dalla cena del primo giorno al pranzo dell’ultimo giorno
  • Guida parlante italiano per l’intero tour
  • Assicurazione medica/bagaglio
  • Accompagnatore tecnico
  • Assistenza pastorale
La quota non comprende
  • Mance
  • Ingressi
  • Extra di natura personale
  • Eventuale tassa di soggiorno
  • Polizza contro le penalità di annullamento (facoltativa) – da stipulare all’atto dell’adesione, il premio corrispondente è pari al 4,3% della quota totale di partecipazione
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

OPERATIVO VOLI

1^ partenza: 29/09/2021: Roma Fiumicino 06:05 – Lisbona 08:10 / 02/10/2021: Lisbona 20:10 – Roma 00:05 (27/09/2021)

2^ partenza: 14/10/2021: Roma Fiumicino 12:15 – Lisbona 08:10 / 17/10/2021: Lisbona 20:10 – Roma 00:05 (27/09/2021)


NOTIZIE UTILI

Il santuario ha ricevuto le visite dei seguenti papi: Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Papa Francesco. Anche Pio XII e Giovanni XXIII manifestarono devozione per l’evento ascritto alla località portoghese. In particolare, Giovanni Paolo II era molto legato al santuario di Fátima soprattutto a causa dell’attentato subito nel 1981, proprio nella ricorrenza della Madonna di Fátima; per questo, all’interno della corona della Madonna, è stato fatto incastonare il proiettile estrattogli e, più tardi, nei pressi della basilica è stata collocata una statua dedicata al pontefice. Il santuario dista 11 km da Ourém, 25 da Leiria, 120 da Lisbona, 180 da Oporto e si trova a circa 300 metri sul livello del mare, sul massiccio calcareo dell’Estremadura. La chiesa, realizzata in stile neobarocco, è preceduta da un ampio piazzale e sorge al centro di un colonnato (200 colonne). Al di sopra del portale principale di ingresso si eleva la torre campanaria alta 65 metri. L’interno, decorato con gusto secentesco, è navata unica. Ai lati dell’altare maggiore si venerano le tombe dei veggenti: Giacinta e Francesco, beatificati da Giovanni Paolo II e canonizzati da Francesco, e Lucia, morta nel 2005.La statua in legno della Madonna è custodita nella cappellina delle apparizioni, scolpita, dietro indicazioni di Lucia, dall’artista portoghese José Ferreira Thedim, nel 1920.Il 13 maggio 2017, alla presenza di Papa Francesco, si sono tenuti i festeggiamenti per il centenario delle apparizioni.

La storia

13 maggio 1917, Cova da Iria, località di un villaggio nel Portogallo centrale, Fatima. Tre bambini – Lucia dos Santos di 10 anni e i suoi cugini Francisco e Jacinta Marto, fratelli di 9 e 7 anni – stanno giocando mentre accudiscono un piccolo gregge, in un terreno di proprietà del padre di Lucia. Verso mezzogiorno, dopo aver recitato come d’abitudine il Rosario, vedono due fenomeni luminosi, come due lampi, e poi una misteriosa Signora splendente con un Rosario in mano. È la prima di sei apparizioni che i tre piccoli pastori avranno fino ad ottobre: sempre il giorno 13, tranne nel mese di agosto, quando dal 13 al 15 vengono “sequestrati” dal sindaco che cerca di smascherare quella che crede essere un’impostura (la Madonna apparirà poi ai tre veggenti il giorno 19). Il 13 ottobre 1930 il vescovo di Leiria dichiara «degne di fede le visioni», autorizzando il culto alla Madonna di Fatima.

Il miracolo del sole

Migliaia di pellegrini iniziano ad arrivare a Fatima non appena si diffonde la voce degli eventi soprannaturali. Il 13 ottobre una folla stimata tra le 30 e le 100mila persone, fra loro anche numerosi giornalisti, assiste al “miracolo del sole”, il grande segno che era stato preannunciato dalla Vergine: dopo una pioggia battente che rende fradici il terreno e gli abiti degli astanti, il cielo si apre e il disco solare viene visto cambiare colore, dimensione e posizione per circa dieci minuti. Un sole che è possibile fissare direttamente con lo sguardo. Dopo l’accaduto, abiti e terreno si mostreranno improvvisamente asciutti.

Un segreto in tre parti
Il messaggio principale delle apparizioni è legato ai tre segreti, o meglio a una rivelazione in tre parti che la Madonna fece ai pastorelli nell’apparizione del 13 luglio. Lucia, divenuta suora, scrisse le prime due parti nelle sue memorie, la terza, scritta il 3 gennaio 1944, la diede in una busta sigillata al vescovo di Leiria, busta che fu poi consegnata nel 1957 all’archivio segreto del Sant’Uffizio e il cui contenuto è stato divulgato nel 2000.

La visione dell’inferno
Nella prima parte del segreto suor Lucia racconta che la Madonna mostrò ai tre pastorelli: «…un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell’incendio […]. I demoni si riconoscevano dalle forme orribili e ributtanti di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti e neri. Questa visione durò un momento. E grazie alla nostra buona Madre del Cielo, che prima ci aveva prevenuti con la promessa di portarci in Cielo (nella prima apparizione), altrimenti credo che saremmo morti di spavento e di terrore.»

La Russia e il Cuore Immacolato
Nella seconda parte sono riportate queste parole di Maria: «Avete visto l’inferno dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato. Se faranno quel che vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace. La guerra sta per finire; ma se non smetteranno di offendere Dio, durante il Pontificato di Pio XI ne comincerà un’altra ancora peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre. Per impedirla, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace; se no, spargerà i suoi errori per il mondo, promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte. Finalmente, il Mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre Mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e sarà concesso al mondo un periodo di pace».

Il vescovo vestito di bianco
La terza parte del segreto è così riferita da suor Lucia: «Dopo le due parti che già ho esposto, abbiamo visto al lato sinistro di Nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l’Angelo indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo in una luce immensa che è Dio: “qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti” un Vescovo vestito di Bianco “abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre”. Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c’era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c’erano due Angeli ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio».

La vita dei veggenti
I pastorelli riferirono che la Madonna aveva parlato della morte prematura di Francisco e Jacinta, aggiungendo che Lucia sarebbe rimasta a lungo sulla Terra. Così fu. Francisco contrasse l’”influenza spagnola” nel dicembre 1918. Rimase sereno per tutta la durata della malattia e facendo in quel periodo la Prima Comunione. Morì il 4 aprile 1919. Anche Jacinta fu colpita dal virus della spagnola nel dicembre 1918. La sua malattia fu più lunga e dolorosa di quella del fratello, venne anche ricoverata, inutilmente, all’ospedale di Lisbona, dove morì il 20 febbraio 1920. Lucia entrò fra le suore di Santa Dorotea nel 1925 e nel 1948 passò fra le carmelitane del convento di Coimbra, dove rimase fino alla morte avvenuta nel 2005.

Le cause di beatificazione e canonizzazione
La causa di beatificazione dei fratelli Marto è stata aperta nella diocesi di Leiria nel 1952: Francisco e Jacinta sono stati beatificati il 13 maggio del 2000 da Giovanni Paolo II e vengono ora canonizzati da papa Francesco. La causa di beatificazione di suor Lucia si è aperta invece nel 2008: lo scorso gennaio si è conclusa la fase diocesana, nella diocesi di Coimbra.

I Papi e Fatima
Il 13 maggio 1917, giorno della prima apparizione, Eugenio Pacelli veniva consacrato vescovo. Da Papa nutrirà una particolare venerazione per la Madonna di Fatima. Il 13 maggio 1967 Paolo VI si recò in pellegrinaggio a Fatima. Così fece Giovanni Paolo II nel 1982, nel 1991 e nel 2000: per Wojtyla era stata la Vergine di Fatima a salvargli la vita nell’attentato del 13 maggio 1981. Benedetto XVI fu a Fatima nel 2010. Anche Angelo Giuseppe Roncalli e Albino Luciani visitarono il santuario portoghese ma da cardinali, non da Papi: il primo nel 1956, il secondo nel 1977.


INFO UTILI

DOCUMENTI: Carta d’identità valida per l’espatrio senza timbro di rinnovo.

TELEFONO: Per chiamare dal Portogallo verso l’Italia, bisogna inserire il nostro prefisso internazionale +39 seguito dal numero fisso (compreso il prefisso con lo 0) o dal cellulare. Per farvi chiamare dall’Italia bisogna comporre lo 00 (prefisso internazionale) poi 351 (Portogallo) quindi il prefisso della città e poi il numero fisso.

CLIMA E ABBIGLIAMENTO: Il clima di Lisbona/Fatima è fortemente influenzato dall’Oceano Atlantico che modera il caldo asfissiante dell’estate e riscalda le giornate invernali. Il clima portoghese è mite, con estati lunghe e calde e inverni non troppo freddi. Difficilmente si arriva a temperature prossime allo 0. Consigliamo pertanto, indipendentemente dalla stagione, di portare un capo pesante, un impermeabile, un ombrello e scarpe comode.

FUSO ORARIO: Un ora in meno rispetto l’Italia

VALUTA: Dal 1° gennaio 2002,in Portogallo è in vigore l’euro.

ASSISTENZA SANITARIA: Raccomandiamo di portare con se la nuova tessera sanitaria. Chi ne fosse sprovvisto, contatti la propria ASL di appartenenza.


Scopri gli altri viaggi di gruppo che abbiamo in programmazione su www.travelbuycosenza.it/viaggi-di-gruppo

Contattaci compilando il modulo sottostante per richiesta di informazioni e preventivo per il viaggio in questione. Compila tutti i campi del modulo oppure telefonaci allo 0984408917.



    Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’Art. 17 della legge 38/2006: “La Legge Italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche commessi all’estero”.

    TRAVELBUY COSENZA

    AGENZIA VIAGGI & TOUR OPERATOR

    Via Aldo Moro, 33 – 87100 Cosenza
    Tel. 0984 408917 – Fax 0984 18011 52
    Email: cosenza1@travelbuy.it – Sito web www.travelbuycosenza.it